Saturday, September 5, 2020

LA RESA AMOROSA (LE NOZZE DIVINE)

FRASI SU MENTE E SCIENZA E SÉ E SAGGEZZA




“Il pensiero puro e assolutizzato è una sorta di schizoidismo, è una malattia della mente”.

“La mitizzazione e successiva supposizione dell’onnipotenza del pensiero del mondo occidentale sono dovute ad una sopravvalutazione originaria della filosofia Greca”.

“La mente, da sola, anche quella più sottile e limpida, è sempre e in ogni caso soggetta al naufragio”.

“L’idolatria della scienza e della tecnica, in pratica della mente, è pericolosa quanto il dogmatismo religioso”.

“Oggi sono in molti che si dispiacciono per la fuga o mancanza di cervelli, pochi per la latitanza dei cuori, quasi nessuno per l’assenza dell’anima”.

“Il sapere intellettuale spesso diventa nutrimento dell’Io narcisistico e fonte di superbia”.

“A tutt’oggi la scienza e la tecnologia, ossia la mente umana, perlopiù si è messa al servizio del potere e della morte”.

“Il progresso scientifico e tecnologico fine a se stesso sviluppa la mente ma abitualmente inaridisce il cuore”.

“Il progresso scientifico e tecnologico senza un riferimento etico più cresce, più abbassa la civiltà”.

“Tante mostruosità che possono scaturire da un mondo costruito dalla scienza e dalla tecnica, ossia dalla pura e gelida razionalità, ancora non le abbiamo viste”.

“La credenza dell’onnipotenza della mente del mondo odierno, in specie dell’Occidente, rischia di essere la nostra rovina”.

“Da diverso tempo l’Occidente, attraverso l’istruzione e la formazione, l’organizzazione sociale e la professione, sta diventando sempre di più un mascherificio, una fabbrica e una società di robot avidi senza identità e senza anima, dove le esigenze della persona umana sono quasi del tutto scomparse”.

“L’uomo non può vivere senza la ragione, ma solo con essa vive parzialmente”.

“La scienza, la ragione, può proteggere dalle illusioni e superstizioni, ma ingabbia la fantasia e fiacca i sogni”.

“A che serve una mente eccelsa, seppure da Nobel, se il cuore è agonizzante e l’anima straziata?”.

“Il mondo perlopiù tecnologico, razionalista e materialista qual è quello odierno, che esalta il “quoziente intellettivo” a scapito del “quoziente umano”, è un mondo essenzialmente schizoide senza né cuore né anima”.

“L’uomo odierno ha la mente sviluppata e il cuore ingarbugliato e congelato”.

“Quando il sapere è asservito al potere, vuol dire che la ragione si è separata dal cuore e si è messa al servizio della volontà di potenza, ossia della morte”.

“La scienza, ossia la ragione, senza la saggezza, il SÉ, crea ingiustizie e mostruosità di ogni genere dovunque e all’infinito”.

“L’età dei Lumi, ovvero l’età della ragione e sue varianti, l’Illuminismo e il Razionalismo, l’Empirismo e il Pragmatismo, la Scienza e quant’altro, non hanno migliorato più di tanto gli umani. Serve perciò un’età dello spirito, un’età in cui mente, cuore e spirito siano unificati e al servizio della vita”.

“L’uomo senza il SÉ è zoppo, senza ragione è cieco. Senza l’uno e l’altra è zoppo e cieco.

“La vera ignoranza e innanzitutto pericolosità degli esseri umani, per la propria e altrui vita, non è solo l’apatia della mente e la mancanza di istruzione intellettuale, ma in primis è la scarsa conoscenza di se stessi”.

“La scienza può dirci fin dove è giunto l’uomo con la ragione, ma non può farci sapere fin dove egli si è spinto nella sua interezza, perché l’intuizione e l’immaginazione anticipano sempre la ragione”.

“Le varie discipline (arte e religione, scienza e filosofia), sono punti di vista parziali convergenti verso l’uomo”.

“Scienza e sinonimo di progresso caotico e indiscriminato. Scienza e saggezza armonizzate tra loro sono sinonimo di civiltà”.

“La scienza, la ragione, può descrivere i come. La saggezza, il SÉ, può suggerire i perché. L’una e l’altro armonizzati tra loro possono librarsi nell’infinito”.

“Amo, cogito e creo, ergo sum”.

“La mente è l’ancella del SÉ”.

(Gabriele Palombo)